22 Mar

Suggerimenti colloquio di lavoro

colloquio

Il colloquio di lavoro è uno dei momenti più importanti della propria vita. Una manciata di minuti possono decidere molto del proprio futuro. Per questo motivo è bene conoscere come spendere nel migliore dei modi questo tempo tentando di ottenere il lavoro desiderato.
Non bisogna dare una immagine di sé finta e artificiale, ma è importante cercare di dare il meglio non facendosi sopraffare dall’emozione e dal nervosismo. Fare un buon colloquio di lavoro non è una passeggiata.
In pochi minuti bisogna dare una buona impressione, mostrarsi professionali, competenti, ma anche dotati di personalità e carattere.
I nostri esperti di Gestionale.co vogliono fornirti alcuni consigli utili per affrontare al meglio un colloquio di lavoro. Ti parleremo di:

  • Come affrontare un colloquio di lavoro;
  • Come prepararsi ad un colloquio di lavoro;
  • Quali sono le domande frequenti colloquio;
  • Abbigliamento colloquio di lavoro;


colloquio-di-lavoro

Come prepararsi ad un colloquio di lavoro?

La prima cosa da fare per sapere come affrontare un colloquio di lavoro è quella di informarsi sulla reputazione e sulla storia dell’azienda per la quale vi siete candidati. Guardate il sito web dell’azienda, consultate i report annuali (se disponibili sul sito) ed iscrivetevi alle newsletter aziendali.
Cercate informazioni sulla struttura interna dell’azienda, sugli obiettivi di essa a lungo termine e sulla filosofia aziendale. Per fare una buona impressione può essere utile conoscere la vision aziendale e preparare un discorso personale sui punti inseguiti dall’azienda.
Quindi, un primo suggerimento per prepararsi ad un colloquio di lavoro è quello di raccogliere più informazioni possibili ed organizzare un discorso sulla posizione che aspirate ad avere in azienda.
Esaminate la job description, in base a come si presenta l’annuncio di lavoro, potrete capire quali domande vi saranno rivolte in sede di colloquio.

Date un’occhiata al vostro Curriculum Vitae e alla lettera di presentazione: l’azienda vi ha chiamato per una ragione precisa, quindi siate certi di conoscere i vostri punti di forza prima di iniziare il colloquio.

Il secondo suggerimento su come affrontare un colloquio di lavoro è quello di stilare un foglio con le domande più frequenti che pensiamo ci vengano poste. A questo punto, possiamo provare delle risposte, integrandole con esperienze passate, dando risalto al motivo per cui siete la persona giusta per quella posizione.

Le più frequenti domande colloquio di lavoro?

Come detto, ogni candidato nel prepararsi al meglio a come affrontare un colloquio di lavoro dovrebbe informarsi sulle domande che frequentemente vengono poste in questa situazione.
Abbiamo deciso di darvi un piccolo aiuto fornendovi quelle che, a nostro parere, sono le 5 domande frequenti colloquio per decidere se si sarà assunti o meno.

  • Mi parli un po’ di sè? A questa domanda i reclutatori vogliono ascoltare delle risposte pronte, date in maniera concisa e senza esitazioni.
    È interessante, ad esempio, sentire il candidato che parla della sua carriera e dei suoi risultati sul lavoro, mentre, lo è meno, ascoltare candidati che parlano di hobby o abitudini personali;
  • Perché vorrebbe lavorare qui? Questa domanda rivela quanto il candidato si sia documentato riguardo le attività dell’azienda.
    Bisogna assolutamente evitare di dire che il motivo per cui si vuole essere assunti è un buon stipendio;
  • Qual è il suo punto debole? Viene sempre apprezzata la sincerità in questi casi, quindi evitate di dire che non avete alcun difetto;
  • Come si vede tra 5 anni? Bisogna sempre farsi vedere ambiziosi in modo tale da dimostrare il desiderio di crescere professionalmente;
  • Perché desidera lasciare l’azienda in cui lavora adesso? Bisogna elogiare il nuovo eventuale lavoro, mettere in luce la voglia di intraprendere una nuova strada senza però parlare male del vecchio datore di lavoro;


lavoro

Quale abbigliamento colloquio di lavoro scegliere?

Quando si affronta un colloquio di lavoro l’abito giusto può fare la differenza, spesso, infatti, la prima impressione è davvero quella che conta.
I principi fondamentali nella scelta del giusto look per un colloquio devono essere essenzialmente due: ordine ed accuratezza.

Qualunque cosa si decida di indossare, è importante che sia pulito, stirato e privo di difetti: una macchia, un bottone che pende o, peggio ancora, uno strappo sono assolutamente vietati e significherebbero, già in principio, il fallimento del colloquio.
L’abbigliamento ideale per un lavoro d’ufficio per le donne è il tailleur. Quest’ultimo risulta essere sempre un’idea vincente, a patto di non sceglierne uno eccessivamente classico. Per bilanciare un completo un po’ troppo rigoroso si può ricorrere a qualche accessorio originale, come una bella cintura o uno stivale elegante.
Per gli uomini via libera a pantaloni, giacca, camicia e cravatta, possibilmente scelta con gusto.

Come abbigliamento ideale invece per un lavoro nel settore creativo la parola d’ordine è: personalità.
Presentandosi ad un colloquio di lavoro per una posizione che implichi creatività occorre dimostrare di avere uno stile preciso e riconoscibile. Ben vengano i colori e gli accessori, stando attenti a non eccedere o a non sembrare troppo stravaganti. Osare si, ma con giudizio.

[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet_bg']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']
[data-image-id='gourmet']